Le famiglie italiane di oggi

  1. Tratto e adattato da L’Espresso, febbraio 2015.

L’Italia di oggi è molto diversa non solo da quella di cinquanta, ma anche di venti o dieci anni fa. I dati dell’Istat mostrano un paese sempre meno legato all’idea tradizionale di famiglia e allergico ai legami “per sempre”.

Aumentano le convivenze. Nel nord Italia convivono dieci coppie su cento; nelle regioni centrali sette coppie su cento. Al Sud resiste il concetto di famiglia tradizionale, sposata e in chiesa: qui infatti convivono solo tre coppie su cento.

Aumentano i matrimoni civili. Qui le differenze tra Nord e Sud sono piuttosto grandi, ed emerge un paese diviso in due, con le regioni del Nord altamente secolarizzate, dove i matrimoni religiosi sono in minoranza, e le regioni del Sud, dove il matrimonio religioso è ancora prevalente.

I divorzi diminuiscono leggermente, e aumentano le separazioni, soprattutto al Sud. La media italiana è di un divorzio ogni quattro coppie sposate.

  1. Tratto e adattato da L’Espresso, marzo 2013.
  • L’Italia ha un tasso di natalità molto basso: la media è di 1,42 figli per donna. (Negli Stati Uniti è di 1,86 per donna).
  • I nuclei familiari sono sempre più piccoli. Negli ultimi vent’anni il numero di componenti per famiglia è sceso da 2,7 a 2,4.
  • Ci sono molti figli unici: il 46,5% delle coppie ha solo un bambino.
  • Circa l’84 % dei bambini vive in famiglia con entrambi i genitori.
  • Negli anni ’50 un bambino poteva contare su circa 30 parenti. Oggi raramente un bambino ha 10 parenti.
  • Circa il 43% dei giovani tra i 25 e i 34 anni vive con i genitori.
  • Solo il 16% dei giovani quando esce dalla famiglia va ad abitare a più di 50 chilometri di distanza. Il 62% resta nello stesso comune.
  • Aumentano i single e le famiglie con un solo genitore.
  • Una ricerca del Censis ha provato a stilare una classifica delle cose che sono “molto importanti” per gli italiani. Per l’88,6% degli italiani è molto importate la famiglia che hanno costruito; per l’85,3% la famiglia in cui sono nati.  Seguono nella classifica delle cose “molto importanti” la libertà (77,5%), l’amicizia (60,4% ) e la realizzazione professionale (50,2%).

License

Icon for the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License

Spunti: Italiano elementare 1 by Daniel Leisawitz and Daniela Viale is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License, except where otherwise noted.

Share This Book